VILLA JOVIS - CAPRITOURISM

Vai ai contenuti

Menu principale:

VILLA JOVIS

DA NON PERDERE > PAESAGGI PUNTI PANORAMICI > Ville

ISOLA DI CAPRI  VILLA JOVIS

INFO




Villa Jovis fa parte delle 12 ville costruite a Capri per volontà dell’imperatore Tiberio e che secondo Tacito furono consacrate al culto degli Dei Consenti tuttavia villa Jovis rimane senza dubbio la più importante, fatta costruire nel I sec d.C. sull’estremo promontorio est dell’isola, si estende su una superfice di circa 7000 metri quadrati e domina l’intero promontorio di Monte Tiberio e la conca che scende fino a Cesina, la vista che si gode dalla Villa è una delle più belle di Capri e permette di dominare quasi interamente il golfo di Napoli, quello di Salerno. Ai 7000 mq della villai vanno sommati più di 13000 mq di giardini terrazze e ninfei che rendono la sua struttura è a metà strada tra una villa di otium e quella di una piccola fortezza
Nel 1932 fu iniziato un lungo lavoro di restauro capace di recuperare e valorizzare le rovine della villa, il difficile lavoro fu affidato come successe per villa damecuta all’archeologo Amedeo Maiuri che permise di riportare la luce la principale dimora di Tiberio, a cui fu dedicata la strada che permette di raggiungere la villa.
Nella parte Ovest si trova il quartiere servile e a nord l’alloggio dell’imperatore e dei suoi collaboratori più fidati come l’astrologo Trasillo, il versante Est era situata invece la sala del trono
Villa jovis è ben conservata anche se molti reperti sono andati ditrutti o perduti, quelli rimasti sono in parte conservati a Capri presso la chiesa di Santo Stefano, in parte nel museo archeologico di Napoli, alcuni elementi infine composti per lo più da vetri azzurri e rossi si trovano nella chiesa di San Costanzo.
La villa ha una costruzione a pianta quadrata e si eleva su più piani, la villa nasce intorno ad un nucleo centrale occupato dalle quattro grandi cisterne di 8000 metri cubi (di cui una ancora attiva) destinate a raccogliere l’acqua piovana, risorsa fondamentale sull’isola priva di fonti naturali necessarie per soddisfare il bisogno idrico del palazzo sia come acqua potabile che come riserva destinate alle terme. Sul lato sud si trova l’atrium con quattro colonne in marmo, al termine del quale si trovano i bagni. Al piano superiore si trovano le terme comprensive di apodyterium , frigidarium ,  tepidarium e calidarium . Nella parte nord vi sono le stanze imperiali e le aule private dell’imperatore, nella parte sud vi sono invece gli alloggi dei servi
A nord del complesso si trova uno strapiombo chiamato “salto di Tiberio” (297 metri) da dove secondo la leggenda venivano lanciate le vittime dell’imperatore in seguito a sevizie e torture. Oggi sulla terrazza più alta della villa si erge la chiesetta di Santa Maria del Soccorso.
Nei pressi della villa si possono ammirare i resti di un antico faro utilizzato durante il soggiorno di Tiberio a Capri per tenere contatti con la terraferma e in particolare con Sorrento e Capo Miseno dove era ormeggiata la flotta imperiale. Si pensa che sia stato danneggiato pochi giorno dopo la morte di Tiberio da un potente terremoto, dopo essere stato restaurato da Domiziano fu nuovamente danneggiato da un fulmine e i suoi resti si trovano ancora sparsi sul suolo.

Come arrivare a Villa Jovis
Da Piazza Umberto I, per Via Le Botteghe, Via Fuorlovado, Via Croce e Via Tiberio, oppure, sempre da Piazza Umberto I, percorrendo Via Longano, Via Sopramonte e Via Tiberio. Preparati: la strada è tutta in salita.
Tempi: 45 minuti.
Informazioni pratiche
Orario di visita: 11.00-15.00
Chiusa i martedì della prima metà del mese e le domeniche nella seconda metà del mese.
Ingresso: 2 Euro


INDIRIZZO:
Viale Amedeo Maiuri

tel: 0818374549



Visualizza VILLA JOVIS in una mappa di dimensioni maggiori
 
Torna ai contenuti | Torna al menu